Pasta matta per torte salate

Ci sono di quelle ricette, apparentemente semplicissime, che provi a fare per anni senza mai raggiungere un risultato che ti soddisfi appieno. E quando, dopo innumerevoli tentativi a vuoto, riesci finalmente a trovare la formula magica, ti sembra quasi di avere scovato il Graal. È quello che mi è successo con la ricetta delle ravazzate e dei calzoni al forno (tipici pezzi di rosticceria siciliana), per esempio, così come con la ricetta di oggi. La pasta matta. La scoperta dell’acqua calda, direte voi. Cioè, non è che l’Artusi sia nato proprio ieri, ecco. Ma magari, in giro per questo mondo cibernetico c’è ancora qualcuno ignaro di questa piccola meraviglia di semplicità, ancora in cerca della sua base perfetta per torte salateeconomica (economicissima infatti), leggera (senza quelle quintalate di burro che servono nella brisée e nella sfoglia), resistente (non si ammolla affatto con delle farce umide, anzi diventa ancora più buona), facilissima da stendere al mattarello (senza dover far su un paciugo sul piano di lavoro con nubi di farina e residui appiccicaticci). Dunque, non prendete nemmeno carta e penna, che gli ingredienti sono talmente pochi che non vi servono, ecco a voi la ricetta.

pasta matta torta salataPer 1 torta salata
-         farina 00, 200gr
-         acqua tiepida, 100gr
-         olio extravergine d’oliva, 30g
-         sale fino, 1 o 2 cucchiaini in base ai gusti e alla farcia

pasta matta torta salata

Il procedimento è altrettanto semplice. Mettete la farina e il sale in una planetaria (o a fontana su una spianatoia), versatevi al centro l’acqua e l’olio, amalgamate fino a ottenere una palla omogenea. Avvolgete l’impasto con la pellicola e fate riposare in frigo almeno una mezzoretta. Stendete l’impasto sottile (ca3mm) con il mattarello, disponetelo sulla tortiera rivestita di carta da forno (se difficile da spostare, sollevate l’impasto steso avvolgendolo intorno al mattarello, che potrete usare per sollevare l’impasto e stenderlo sulla tortiera. Riempite la torta salata con la vostra farcia (tenendola preferibilmente – ma non necessariamente- umida), richiudete i bordi ripiegandoli verso l’interno e infornate a 2oo gradi per circa 25 o 30 minuti, fino a leggera doratura. Sfornate, trasferite su un piatto e lasciate raffreddare. È molto più buona consumata il giorno dopo, perché la base assorbe l’umidità, ammorbidendosi.

pasta matta torta salata

 

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in Antipasti e contorni, Le basi, Light, Pizze, focacce & co, Secondi piatti e piatti unici, tradizionale, vegetariano, verdure e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Pasta matta per torte salate

  1. elena ha detto:

    Oggi la pasta matta va per la maggiore: ho appena pubblicato anch’io un post :)) Il procedimento e le qualità di questa pasta, che a me piace moltissimo, li hai spiegati benissimo, viene proprio voglia di provarla! Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...