Sfincione

Lo sfincione è una specialità palermitana. Nonostante la somiglianza,
lo sfincione è tutt’altro che una pizza. È una sorpresa ad ogni morso.

Ingredienti per 1 teglia
– farina “00”, 500g
– lievito di birra, 25g
– cipolle, 2
– caciocavallo fresco siciliano (ragusano), 200g
– filetti di acciughe sott’olio, 100g
– pomodori pelati, 500g
– pangrattato, 1 manciata
– zucchero, 1 pizzico
– origano siciliano
– olio evo
– sale e pepe

Setacciate la farina in un’ampia ciotola. Sciogliete il lievito in poca acqua tiepida, versatelo sulla farina, aggiungete lo zucchero, un pizzico di sale e impastate per circa 10 minuti incorporando poca acqua tiepida per volta, finché l’impasto non risulti morbido.
Fatene una palla, infarinate il fondo della ciotola e coprite con un canovaccio. Lasciate lievitare per 2 ore in un luogo asciutto e lontano da correnti, per esempio dentro il forno spento.
Nel frattempo, affettate le cipolle molto sottili e fatele appassire in un tegame con un filo d’olio e 3 cucchiai d’acqua calda. Lasciatele ammorbidire senza rosolarle, aggiungendo poca acqua calda per volta se fosse necessario. Intanto, schiacciate i pomodori con una forchetta e, appena pronte le cipolle, uniteli nel tegame. Salate, pepate e fate cuocere per 20 minuti a fiamma medio – bassa.
Una volta lievitata, riprendete la pasta e lavoratela ancora per qualche minuto con 2 cucchiai d’olio.
Ungete una leccarda o una teglia e stendetevi la pasta in maniera uniforme, a uno spessore di circa 2cm. Tagliate le acciughe a pezzetti e il caciocavallo a cubetti e distribuiteli sulla superficie della pasta stesa, premendo con le dita per infossarli leggermente. Appena pronta, fate intiepidire la salsa di pomodoro e spargetela sulla pasta, inclusi i bordi per evitare che si secchino durante la cottura. Ungete il pangrattato con un filo d’olio e spolverizzatelo su tutta la superficie. Completate con una generosa manciata di origano e fate riposare per altri 40 minuti.
Cuocete in forno preriscaldato a 220° per circa mezz’ora, finché i bordi non risulteranno ben coloriti.

Advertisements

16 thoughts on “Sfincione

  1. valentina

    ciao doriana,
    piacere tutto mio di conoscerti..
    beh, che dire, lo sfincione non vuole commenti, basta solo addentarlo..
    il tuo giovane blog diventerà un successo..
    e noi magari ci incontreremoooo?
    visto che siamo “compaesane”..

    baciuzzi

    :*

    valuzza

  2. Alessandra

    Questo è un attentato!!!! 🙂 Come si fa a resistere allo sfinciuni????? Mio padre è originario di Palermo e ricordo che spesso, quando tornava dal capoluogo 😉 per motivi di lavoro, ce ne portava un pezzo.. una delizia d’infanzia che mi è rimasta nel cuore! Complimenti!

  3. Silvia | Kitchenqb

    Dori, setacciare la farina ha una funzione ben precisa che tu sappia? Ho sempre pensato che non farlo rende l’impasto come dire, più rustico…mi chiedevo se è una cosa voluta o una consuetudine familiare, ma più importante lo rende morbido morbido?

    • Doriana Manzella

      Ecco, devo dire che non ho mai provato a farlo senza setacciarlo, per cui non ti saprei dire. E’ semplicemente il procedimento di una ricetta che uso da sempre e che dà un risultato soddisfacente. Morbido è abbastanza morbido, ma non proprio come dallo sfincionaro devo dire. Lì ci deve essere un segreto che proprio non conosco. Tu come lo prepari di solito lo sfincione?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...